Categoria: Storia

L’origine di Tindari e i fatti della villa romana di Patti marina: Verre l’ospite sgradito a Gnaeus Pompeius difeso da Cicerone.

di Michele Manfredi-Gigliotti Come è noto, durante i lavori di costruzione dell’autostrada “A 20” Messina-Palermo, nel tratto posto tra il promontorio di Tindari e Gioiosa Marea, quasi alla periferia del centro abitato di Patti e in adiacenza alla sua stazione ferroviaria, nel momento in cui, effettuati gli scavi di posizionamento, stavano...

San Leone Vescovo, protettore di Longi e Sinagra.

di Giuseppe Ingrillì si ringraziano per la disponibilità e le preziose informazioni, Domenico Orifici e Calogero Castano. Esistono territori non vicini che reclamano comuni esperienze religiose, tanto da poter essere accostati ad un unico sentimento spirituale ispirato ad un Santo. In provincia di Messina, rimanendo nel territorio d’ambito di questa ricerca,...

Ottobre 1926 – Benedizione della nuova statuetta della Madonnina

Ottobre 1926 – Benedizione della nuova statuetta della Madonnina

di Giuseppe Ingrillì Sono appena passati 10 mesi dal furto sacrilego del simulacro di Maria SS. di Capo d’Orlando, perpetrato da ignoti, nella notte tra l’11 e il 12 dicembre 1925. Gli sforzi per scoprire dove sia stata nascosta la statuetta, non sembrano portare in nessuna direzione. L’impressione collettiva, già da...

La Madonna nera di Tindari

di Michele Manfredi-Gigliotti Nell’ambito della Chiesa cristiano-cattolica un’area molto importante e diffusa è occupata dal particolare culto dedicato alle Madonne Nere. Dal punto di vista strettamente topografico, i luoghi dell’intero globo terracqueo nei quali sono venerate icone di Madonne Nere, sia in modo esclusivo, sia assieme ad altre icone di Madonne...

Sulle origini di Kalè Akté – Calacte

di Francesco Collura Secondo il racconto di Diodoro Siculo (12.8.2), Kalè Akté venne fondata da Ducezio intorno al 446 a.C. Racconta lo storico di Agira che Ducezio, esiliato a Corinto dopo essere stato sconfitto dai Greci di Sicilia, sostenendo di agire per ordine di un oracolo che lo invitava a fondare...

Un ascensore per il monte

Un ascensore per il monte

di Giuseppe Ingrillì con il contributo di Giovannino Milio La comunità orlandina ha sempre fatto riferimento, per l’espressione della sua spiritualità, alla collina che ne sovrasta l’abitato “u munti da Madonna” come tutti affettuosamente lo chiamano. Esposto com’è, alle tempeste e alle intemperie, nel periodo invernale è difficilmente raggiungibile mentre il...